Clabber

Giordano Rivellini

“Sono designer e fotografo libero professionista, e presto anche futuro startupper. Il CLab per me è stato ed è creativo perché è pieno di stimoli nuovi; da questo percorso ho imparato a ricevere e ad accettarle come parte dell’apprendimento. La competizione è giusto che ci sia, e ti permette di crescere. Non mi aspettavo di […]

Giordano Rivellini Leggi tutto »

Alessandra Vaccari

Sono una formatrice per l’università cattolica del sacro cuore e sto seguendo progetti che sensibilizzano i giovani su valori quali il donare, l’altruismo e la solidarietà. Per me il Clab è stato un’opportunità di crescita sia personale che professionale, e la lezione che mi lascia è quella di essere determinati e di crederci alla propria

Alessandra Vaccari Leggi tutto »

Matteo Soprani

“Sono ricercatore post-Doc presso il CNR della sezione di Brescia. Per me il CLab è stato una prova, da cui ho appreso che è sì importante l’idea, è sì importante l’esecuzione dell’idea stessa, ma quello che è ancora più importante sono le persone che ti permettono di costituire una startup o un’azienda, ma soprattutto che

Matteo Soprani Leggi tutto »

Alessio Tonoli

”Sono un infermiere, nel periodo più caldo della pandemia ho lavorato nel reparto dei casi di Covid -19, Mi sono avvicinato al CLab perché sono stato attratto dalla presentazione fatta dalla professoressa Sansoni, e si è detto questo era il periodo della vita adatto per farlo. Da questa esperienza ho imparato a fidarmi di me

Alessio Tonoli Leggi tutto »

Filippo Turolo

“Studio economia e gestione di impresa presso l’università degli studi di Brescia. Partecipare al CLab per me è stata un’occasione di trovare ragazzi come me che volevano ampliare i loro orizzonti in termini di contatti e informazioni. Il CLab è crescita, e da questa esperienza ho imparato che il contaminarsi è importante, la rete di

Filippo Turolo Leggi tutto »

Simone Pasinetti

“Sono un papà di famiglia un Ricercatore di tipo A all’Università di Brescia. Del CLab sono stato partiocolarmente colpito dalle parti umanistiche, che mi hanno molto arricchito. Non mi aspettavo di trovare persone con cui trovarmi così bene, e con cui in futuro potrò collaborare. Mi sento di condividere con chi leggerà il libro una frase

Simone Pasinetti Leggi tutto »

Francesca Piatti

“Ho 20 anni e sono al secondo anno di economia dell’università degli studi di Brescia. Per me è stata un’esperienza sia di Team, ma soprattutto personale e per l’imprenditrice che un giorno potrò essere. L’insegnamento che mi ha più colpita è stato quello di partire da sé stessi, mettendosi in gioco a livello personale. Questa esperienza

Francesca Piatti Leggi tutto »

Roberto Pagani

“Frequento il secondo anno di dottorato presso l’Università di Brescia, in meccanica applicata. Per me il CLab è stato un qualcosa di creativo, che mi ha insegnato che ogni cosa ha ostacoli, ma questi possono essere superati coraggio e costanza. Mai mi sarei aspettato di fare teatro, e di concretizzare un idea che potesse davvero

Roberto Pagani Leggi tutto »

Letizia Medeghini

“Frequento il Corso di Economia e gestione dell’impresa aa Brescia, ho 25 anni e lavoro nel mondo della ristorazione. Il CLab è stato pazzesco, un’avventura incredibile che non so descrivere. Da questo percorso ho imparato che bisogna credere di potercela fare. Porterò dentro questo insegnamento per tutta la vita. Sono quella che sono oggi grazie alle

Letizia Medeghini Leggi tutto »

Cristina Nuzzi

“Sono laureata in ingegneria dell’automazione industriale, e oggi frequento il terzo anno del Dottorato di ricerca L’insegnamento che ho appreso nel Clab è stato l’imparare a lavorare in squadra. E’ un percorso che ti prepara ai meccanismi del mondo del lavoro, e ti fa conoscere persone che non avresti mai incontrato. E’ un percorso che

Cristina Nuzzi Leggi tutto »

Alessandro Mazza

“Ho 21 anni, studio al secondo anno di ingegneria informatica a Brescia. Hoiniziato a insegnare chitarra. Il CLab è un percorso di formazione tutti coloro che vogliono migliorarsi come persine e che sentono che cogliono creare qualcosa di personale. Ciò che il Clab mi lascia, molto più dell’idea imprenditoriale, è essere in team con altri.

Alessandro Mazza Leggi tutto »

Alessandro Mariotto

“Studio economia presso l’università degli studi di Brescia. Nel CLab ha visto un’opportunità che non capita tutti i giorni per crescere e mettersi in gioco, una sfida: ho capito che le persone sono importanti, che prima di un’idea, prima di un progetto devi trovare le persine giuste. Se si ha un’idea, se si è persone a

Alessandro Mariotto Leggi tutto »

Andrea La Rovere

”Sono ingegnere ambientale, e lavoro per un’azienda che costruisce macchine utensili a Bedizzole. Il Clab è onnicomprensivo: fin dall’inizio mi ha permesso di scoprire il mondo dell’imprenditoria a 360°, sia a livello personale che tecnico.Mi sono reso conto che senza soft skills non si va da nessuna parte”. Grazie al Clab ho capito che ogni

Andrea La Rovere Leggi tutto »

Paolo Huber

“Ho 23 anni, sono studente magistrale di Ingegneria e faccio il personal trainer part time. Nel CLab la lezione più importante che ha imparato è di considerare le opinioni degli altri, di non dare per scontato che tutti la pensano allo stesso modo. Di accogliere punti di vista diversi per risolvere un problema. Nel Clab, grazie

Paolo Huber Leggi tutto »

Lorenzo Ferlito

”Sono un laureando di economia e gestione aziendale. Fin da piccolo ho avuto la passione del mondo imprenditoriale e il mio sogno è sempre stato quello di diventare imprenditore. Ho trovato il Clab intrigante, e da questa esperienza ho appreso la gestione del conflitto e il come parlare in pubblico, grazie al percorso tenuto da

Lorenzo Ferlito Leggi tutto »

Stefano Ghidini

”Sono Dottorando presso l’Università di Brescia, faccio ricerca in ambito robotica per il CNR. Dall’esperienza del CLab ho imparato a rafforzare il lavoro di squadra, cioè a migliorare le mie capacità di lavorare con le persone, Non mi sarei aspettato di poter prendere parte a così tanti eventi, tutti molto interessanti e coinvolgenti. Il CLab

Stefano Ghidini Leggi tutto »

Sarah Joy Giacomelli

“Sono laureanda in design del prodotto all’accademia delle belle arti di Brescia, e mi piacerebbe continuare con la laurea magistrale Per me il CLab è inclusività, e da questa esperienza ho imparato che la contaminazione è molto importante, perché ho visto come diversità possono diventare punti di forza: dove non arrivi tu, può aiutarti un

Sarah Joy Giacomelli Leggi tutto »

Ivan Faustini

“Sono laureato in ingegneria Edile-Architettura. Per me il Clab è stato fonte di crescita, che mi ha permesso di instaurare una comunicazione più efficace con gli altri, perché, se non sai comunicare, non dai valore a ciò che sei a ciò che fai. Per ogni problema c’è almeno una soluzione e ognuna di esse porta con

Ivan Faustini Leggi tutto »

Gianluca di Rosario

“Sono un preparatore atletico alternativo. Ho passato otto mesi a New York e ho iniziato un progetto di collaborazione internazionale tra New York City e Brescia nell’ambito dello sport e della cultura come mezzi per l’inclusione sociale, partendo dalle persone con disabilità. Il CLab è interattivo, e da questo percorso ha appreso che bisogna sempre

Gianluca di Rosario Leggi tutto »

Marco Di Leo

“Studio Automazione Industriale all’Università di Brescia. Mi piace costruire oggetti con i materiali più disparati, e mi piacerebbe che questa sua passione potesse diventare anche una professione. Ha deciso di partecipare al CLab, per la curiosità ma anche per il fatto fatto che mi trovavo in un momento particolare della mia vita. Da questa esperienza

Marco Di Leo Leggi tutto »